A Roma per la Settimana della Cultura

Anche quest’anno si sta svolgendo la Settimana della Cultura, l’evento che per 9 giorni apre le porte di musei, monumenti, aeree archeologiche e archivi statali.

L’evento, iniziato  il 14 aprile scorso, durerà fino al 22 aprile, è promosso dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali è pensato per trasmettere la conoscenza e del patrimonio artistico italiano, di cui si può godere, in questo periodo gratuitamente o a prezzo ridotto.

Naturalmente anche Roma ha aderito all’iniziativa del MiBAC, quindi quale migliore occasione per visitare la Capitale e godere dei suoi mille monumenti e musei? Vista l’enorme quantità di gente che sta approfittano di quest’iniziativa, può essere una scelta più azzeccata quella di dedicarsi ai musei e ai monumenti  meno conosciuti al grande pubblico, ma non per questo meno interessanti.

I Musei di Villa Torlania organizzano due esposizioni da non perdere. La prima, dal titolo Gli Artisti di Villa Strohl-Fern, ripercorre le Secessioni e le Biennali romani mentre L’angolo del Dandy è tutto dedicato alle opere di quatrro artisti considerati per la loro arte e la loro vita, grandi dandies: Karen Blixen, Luigi Ontani, Erik Satie e Luchino Visconti.

Al Museo di RomaTrastevere è organizzata la mostra Leonard Freed. Io amo l’Italia. Si tratta di cento fotografie in bianco e nero scattate in varie città italiane e che raccontano la vita del Paese, immortalando la quotidianità, i volti e i gesti incotrati nei sui innumerovoli viaggi in Italia.

Non mancano nel programma neanche visite e consultazioni guidate. Una di queste, intitolara Lavori in Corso storici dell’arte e archeologi assisteranno i visitatori del Museo di Roma, il Museo Barracco e della Sovraintendenza Capitolina, nella consultazione del patrimonio catalogato.

Considerato il grande afflusso di persone anche l’alloggio potrebbe essere un problema, una soluzione alternativa agli hotel,può essere il couchsurfing oppure uno dei siti di affitti tra privati come Wimdu. Qui si trovano appartamenti e camere in bed and breakfast in diverse zone di Roma, magari proprio vicino al museo o al monumento che si vuole visitare.

Attenzione, in alcuni musei pur essendo l’ingresso gratuito, si deve comunque pagare la prenotazione, Per saperne di più si può visitare il sito dei Musei di Roma (museiincomuneroma.it).