Corniglia: una terrazza sul mare

Immaginate di essere su un promontorio alto crica 100 metri e di essere circondati quasi completamente da un mare azzurro, una sorta di terrazza da cui godere di un panorama eccezionale.

Vigneti a terrazzamenti classici del posto fanno da cornice a questo scenario. Ebbene questa terrazza esiste, è nelle meravigliose Cinque Terre e si chiama Corniglia.

Un borgo raffinato, il cui cuore è il largo Taragio, la piccola piazza principale. Corniglia è un luogo dove pace e quiete regnano sovrani forse per rispetto a quel mare che la circonda. Un mare che si può vedere e non toccare (questo differenzia Corniglia dagli altri paesi delle cinque terre) a meno che non si percorrano le 33 rampe con i circa 380 gradini della Lardarina la scalinata che separa la terra dal mare.

Il borgo sorge, appunto, su di un promontorio roccioso e si sviluppa con case, basse e larghe, dalla costituzione diversa dalle tipiche abitazioni presenti negli altri paesi delle Cinque Terre.

A Corniglia oltre il superbo panorama si può visitare la Chiesa di San Pietro, costruita nel XIV secolo e realizzata in stile gotico-genovese. Nella sua facciata, impreziosita da un rosone in marmo, c’è il simbolo del paese: un cervo. Meritevoli di una visita anche l’Oratorio dei Disciplinati, costruito nel Settecento e il , vero e proprio cuore pulsante del borgo

Chi decide di visitare questo paradiso potrà, pur soggiornando a Corniglia, visitare gli altri paesi limitrofi delle Cinque Terre (Manarola, Vernazza, Riomaggiore e Monterosso), seguire i tanti itinerari, fare escursioni o, semplicemente, rilassarsi per una vacanza all’insegna del relax.

Per i “camminatori” che decidono di soggiornare a Corniglia o in un’altr delle Cinque Terre ci sono tanti percorsi. Citiamo il Sentiero Alto che si sviluppa per ben 40 chilometri ( da Levanto a Portovenere) Un sentiero impegnativo ma accessibile a tutti, ovviamente con il giusto allenamento e abbigliamento. Un percorso che si può ovviamnte frazionare in tappe.

La Via dei Santuari rappresenta invece un percorso che unisce le cinque Chiese (una per ogni paese delle Cinque Terre) e che si sviluppa tra terreni terrazzati, orti, antichi casolari, piccolissimi nuclei abitati. Un percorso alla portata di tutti.

Il sentiero Sentiero Azzurro è il pià panoramico dei percorsi, noto giò dal Medioevo, si può suddividere in più tappe.