Genova, la città degli artisti

Genova-Boccadasse

Genova Boccadasse

Foto CC BY di Twice25 & Rinina25

Con quella faccia un po’ così quell’espressione un po’ così che abbiamo noi prima di andare a Genova che ben sicuri mai non siamo che quel posto dove andiamo non c’inghiotte e non torniamo più.”

Questa canzone, una delle tante che hanno come protagonista Genova, rispecchia appieno lo spirito che impregna il visitatore di questa città di mare.

Genova è affascinante, intrigante, poetica, romantica e caotica. Appena vi si arriva si resta stupiti e sembra quasi di restare senza aria nel vedere le case che paiono costruite una sull’altra. Colorate, a torretta, sembrano incastonate in un mosaico sospeso.

Genova ha un passato che la vede come repubblica marinara, è una città di santi, di poeti, e di cantantautori, di artisti, di navigatori, di comici.

Chi visita Genova deve avere ben presente che vedrà due facce della stessa città: la parte vecchia e la parte nuova, molto diverse ma entrambe accomunate da quel fascino ligure tanto caro ai posti di mare.
La nostra visita inizia dalla parte vecchia dove ci arriviamo con il treno, anche per scongiurare il rischio, che qui è molto reale, di non trovare parcheggio.

Dalla stazione di Genova Piazza Principe si arriva al noto Acquario di Genova a piedi. Si tratta dell’Acquario più grande d’Italia e vanta oltre 10.000 metri quadri di esposizione con 70 vasche che ospitano tantissime specie di pesci: pinguini, squali, foche, delfini, tartarughe, stelle marine, piranha, pesci pagliaccio.

Una visita all’Acquario può essere seguita da una bella passeggiata nel Porto Antico, che ha le sue origii nel 1992, si tratta di una delle zone più turistiche della città e vede come protaognista un bellissimo enorme galeone: è il Neptune, un vero veliero dei pirati costruito per il film “Pirati” di Polanski.

Vicino all’Acquario si trova l’affascinante piazza Fossatello dove sarete colpiti dalle botteghe e dai forni dove troverete specialità tipiche. In particolare il Forno Genovese che vi prenderà per la gola con le sue focacce.
Imperdibile Via del Campo celebrata da Fabrizio De Andrè, qui potete anche visitare un negozio dedicato al cantautore, ricco di foto, ricordi e, ovviamente, di musica.

Camminare tra i caruggi genovesi è un’esperienza da non perdere: negozi multietnici, lentezza e profumo di focaccia sono le caratteristiche principali.

Ma altrettanto suggestiva è l’esperienza del Bigo, un ascensore ideato dall’architetto genovese Renzo Piano che ha preso ispirazione dalla gru che si usa per il carico e scarico merci nel porto (che si chiama, appunto, Bigo). L’ascensore sale per 40 metri e regala un panorama mozzafiato che vede le chiese di Genova, i tetti, le piazze, i campi e poi lui, il mare.
Un’altra attrazione imperdibile è la Cattedrale di San Lorenzo caratterizzata da una varietà di stili che vanno dal Gotico al Rinascimento.Vicino alla Cattedrale si trovano tanti ristoranti e trattorie.
La scena notturna genovese si svolge per lo più in Piazza delle Erbe dalla quale si diramano viuzze, vicoli e caruggi dove si concetrano locali di ogni genere: enoteche,  irish pub e tanti altri.

Genova

Genova

Foto CC BY di Twice25 & Rinina25

La parte nuova di Genova è un’altra cosa. Dalla stazione di Genova Brignole si trovano via San Vincenzo e via XX Settembre. La prima è una strada pittoresca dove è d’obbligo andare al Caffè degli Orefici un luogo storico dove si può gustare il caffè più buono del mondo.
In Via XX Settembre ci si può invece sbizzarrire con lo shopping allietato dalla vista dei meravigliosi palazzi, dagli eleganti porticie da altre meravigliose bellezze architettoniche.

Meritevoli di visita  Teatro Stabile, uno dei pricipali d’Italia (www.teatrostabilegenova.it ), Piazza della Vittoria; Teatro dell’Opera Carlo Felice, Palazzo Ducale, Piazza de Ferrari, la sua fontana.
Altra imperdibile tappa è Genova Nervi dove si può godere di una meravigliosa passeggiata a picco sul mare, che misura quasi 2 chilometri. Nel suo Parco con palme meravigliose vivono scoiattoli e ci sono tanti giochi per i più piccoli.

Molto pittoresco Genova Sturla un piccolo borgo di pescatori, che sembra un presepe con le sue casette  colorate. Boccadasse (conserva la sua antica atmosfera di borgo di pescatori. Nel lungomare di  Corso si può passeggiare  respirare lo iodio.

Un’altra strada imperdibile è Via Balbi: caratterizzata da signorili palazzi tra cui alcuni palazzi e dimore appartenute a nobili famiglie, che fanno parte del patrimonio Unesco e che sono divnute sede di alcune facoltà dell’Università di Genova.   Molto suggestivo costeggiare il Porto Antico in Piazza dell’Annunziata.
In Via Cairoli che si dirama in Via Garibaldi. si può vedere la storia di famiglie come i  Doria, gli Spinola, i Pallavici raccontata dai meravigliosi palazzi che la costellano. Imperdibile la visita ai musei di Palazzo Bianco, Palazzo Rosso e Palazzo Reale, Palazzo Tursi.
Al termine di Via Garibaldi, oltre la piazza si trova Piazza de Ferrari e difornte ad essa c’è il Palazzo Ducale che racchiude la vita culturale di Genoca.
Chi vuole assaporare un caffè in un luogo storico non deve perdersi una pausa nel Caffè degli Specchi in Salita Pollaiuoli, un locale realizzato in stile Liberty.


Come arrivare a Genova


In aereo

La città di Genova è collegata con i principali scali internazionali dall’Aeroporto Cristoforo Colombo che si trova a Sestri Ponente, cioè a sei km dal centro storico di Genova. Ci sono diverse  sono le compagnie aeree che collegano Genova con i principali scali nazionali ed internazionali. Giunti all’Aeroporto Cristoforo Colombo di Genova è possibile raggiungere il centro con  al servizio navetta.

In Treno
Raggiungere Genova in treno è comodissimo e le sue stazioni consentono di spostarsi nelle principali zone della città.
La città è ben collegata con treni Regionali, Intercity ed Eurostar alle maggiori città italiane ed europee.

In Auto
Genova è collegata alle altre città da diverse autostrade provenienti da tutta Italia cioè la A12, A26, A10 e la A7.
A12 Genova – Rosignano con uscita a Genova Nervi oppure Genova Est;
A26 Voltri – Gravellona si ricollega all’ A10 all’altezza di Voltri;
A10 dei Fiori Genova – Ventimiglia con uscita Genova Voltri, Genova Pegli, Genova Aeroporto e Genova Ovest,
A7 Serravalle Genova – Milano con uscita Genova Bolzaneto oppure Genova Ovest

Genova_Piazza_Principe

Genova Piazza Principe

Foto CC BY di Andou

La cucina tipica ligure
Ad affascinare il turista non sono solo i meravigliosi paesaggi, il mare, le case, i palazzi, i vicoletti ma è anche la cucina ligure. La cucina ligure è particolare, profumata, leggera, senza grassi, una cucina che non può che fare innamorare. Merito del sole che fa crescere spezie profumate, vini eccellenti, olio prezioso. Tra i piatti caratteristici ci sono il pesto una particolare “salsa” fatta a mano con ingredienti semplici: basilico ligure, pinoli, olio extravergine, aglio. Con il pesto si condiscono testaroli, trenette, gnocchi, tagliolini. E poi la focaccia, in particolare quella di Recco con il formaggio fuso, profumata, croccante, gustosissima.
E ancora la farinata che può accompagnare la pizza ma che può anche essere la farcitura della focaccia.

Anche i funghi sono un ingrediente che non manca nelle tavole liguri. E ovviamente non manca neppure il pesce, cucinato in modo semplice, leggero, con pochissimi grassi. Famose le acciughe, l’insalata di polpo, i muscoli ripieni, o alla marinara con prezzemolo ed aglio.

Provare uno dei tanti ristoranti nei vicoletti o nella parte “elegante” della città, assaporare i piatti in un locale tipico e gustare la focaccia in uno dei forni (ce ne sono alcuni storici)  è un’esperienza che va fatta.

Riepologando: se andate a Genova, non dimenticate di visitare l’Acquario, non perdetevi la , passeggiata nella parte vecchia, prendete almeno una volta l’ascensore meglio se verso il tramonto, fate una visita nel negozio dedicato a Fabrizio de Andrè e assaggiate la focaccia genovese.