La rinascita di Matera , la sorprendente città-grotta d’Italia

sassi-di-matera
Ci sono luoghi che per centinaia di anni hanno visto solo povertà, miseria, che per anni sono stati quasi nascosti per la vergogna. E oggi sono luoghi che riescono a rievocare tutto il passato facendone la sua ricchezza. A volte il caso è strano e la storia di una città cambia per caso. E’ il caso, e passatemi la ripetizione, di Matera.

Siamo in Basilicata, siamo in una città che una volta era un’antica rete di baraccopoli sotterranee e che è stata trasformata in una destinazione di lusso come nessun’ altra in Italia. Un lusso diverso dal solito sfarzo, un lusso affascinante, raro, strano.

La sintesi della città sta nel suo albergo Le Grotte della Civita. Le pareti sono di pietra , il pavimento rozzo , l’unica luce viene da un singolo foro scavato . Tracce del mondo esterno sembrano voler intromettersi, ma sono poche : un sole sfrenato , un vecchio tavolo , una cassa di legno , una sedia traballante . Una grotta , quindi , ma non una qualsiasi grotta. Questa ha  un pavimento riscaldato che è caldo al tatto ed una preziosa vasca in un angolo. Siamo in un una delle 18 grotte che compongono le camere di Le Grotte della Civita, un hotel unico a Matera , unico in Basilicata, unico in Italia, unico nel mondo.
sassi-di-matera

La Basilicata è il collo del piede dello “stivale ” italiano,  la Puglia , il tacco , ad est , e la Calabria , la punta , a ovest. È stata a lungo la regione più povera d’Italia , e Matera , fino a poco tempo fa, era una delle città più povere d’Europa occidentale. Oggi non più. Oggi la Basilicata sta emergendo dalle ombre, i suoi tesori stanno riscattando questa regione. La Basilicata ha meravigliose rovine greche e romane, belle spiagge , nuovi alberghi; alimenti che non si trovano in nessun altro luogo in Italia , ottimi  vini , paesaggi sublimi , tra cui Monte Pollino , il più grande parco nazionale d’Italia e, poi Matera e le sue grotte, un luogo che sta vivendo una rinascita abbagliante.

Tutto inizia a Matera con le sue grotte . Per capirle , bisogna capire la geologia . La cittadina si trova su un crinale con profondi canyon su entrambi i lati . La parte superiore della cresta è di argilla. Almeno 9.000 anni fa , e probabilmente molto prima , gli esseri umani si stabilirono in grotte naturali nelle pareti del canyon , estendendole fino a migliaia di grotte a nido d’ape. Le grotte costituiscono le più antiche dimore abitate in Italia e , citando l’Unesco , ” l’esempio più rilevante di un insediamento troglodita nel Mediterraneo” .

sassi-di-matera
Le grotte erano cosa buona e giusta per il Paleolitico e i popoli successivi. Ma non per gli abitanti del 20 ° secolo .
Ci è voluto un libro , “Cristo si è fermato ad Eboli” , di Carlo Levi , per attirare l’attenzione sullo scandalo. “In questi buchi neri “, ha scritto , “Ho visto un paio di pezzi di arredamento miserabile , letti e alcuni stracci appesi ad asciugare. Sul pavimento giacevano cani, pecore , capre e maiali … I bambini apparivano da ogni dove, nella polvere e calore , nudi o vestiti di stracci , le palpebre rosse e gonfie… non ho mai in tutta la mia vita visto una tale immagine di povertà ” .

Nel  1952 ben 20.000 persone sono state rimosse dai Sassi e rialloggiate altrove. Fino a poco tempo fa, le grotte erano una vergona, da coprire e nascondere.

Dopo gli anni Sessanta , i Sassi sono rimasti abbandonati.  Negli anni Settanta , qualche occupante hippy vi si è trasferito. Alla fine, sono stati gli abusivi che hanno avviato la rinascita di Matera . Quando nessun altro si fece avanti , il Consiglio li ha resi residenti legali e connessi ai servizi di utilità della città.  Nel 1993 , l’Unesco ha dichiarato i Sassi Patrimonio Mondiale dell’Umanità . Nel 2003 , Mel Gibson ha girato gran parte del suo film , La Passione di Cristo , a Matera , portando la città ad una più ampia attenzione . Nel 2006, le circa 2.000 persone che vivevano nei Sassi , stavano diventando “chic” .

BasilicataL’arrivo di hotel di alta gamma è stata solo una questione di tempo .

Le Grotte è un hotel di lusso . Ma chi cerca il lusso convenzionale potrebbe rimanere deluso . Questo non è un posto per sdraiarsi intorno alla piscina , perché non c’è la piscina . Né ci sono minibar , televisori e telefoni . I pavimenti sono irregolari , le pareti di roccia disadorna . Non vi è alcun ristorante. Con poche eccezioni , non ci sono finestre .

Piuttosto, questo è il lusso di un’esperienza unica, il lusso di una tantum , il lusso di un ambiente e di retroscena con cui nessun altro hotel può competere o confrontare. Le finiture e gli arredi sono recuperati dal passato – vecchie mangiatoie degli animali doppia come vasche da bagno , biancheria da antichi corredi nuziali sono diventati copriletto , pentole di rame per latte e caseificazione ora sono cestini per la carta straccia , il banco da falegname è un tavolo.

Il progetto nasce da un’idea di Margareta Berg e Daniele Kihlgren , un filantropo svedese -italiano e devoto del Albergo Diffuso , un movimento lanciato in Italia negli anni Ottanta per salvare alcuni dei 17.000 villaggi italiani in parte o del tutto abbandonati dopo anni di emigrazione . La nozione , come in questo caso , è che l’hotel non è – al di là di avere una centrale reception e sala da pranzo – un unico soggetto , ma è ” diffuso ” tra le proprietà storiche trasformate in una comunità che gli ospiti sono invitati ad ” unirsi ” . Ci sono circa 40 di tali strutture in Italia .

Ma Le Grotte della Civita è solo uno dei tanti alberghi , bar e ristoranti a Matera .  Palazzo Margherita si trova nelle vicinanze o Palazzo Gattini , un hotel di lusso più convenzionale, con una sublime spa.
grotte
Un’esperienza davvero suggestiva è tuffarsi nel labirinto del Sasso Barisano, nel cuore dei Sassi . I Sassi sono un labirinto, tutto silenzioso e magnetico e le ombre soprattutto sono spettacolari la sera. Facile perdersi, inciampare nel buio , disorientarsi tra i cortili e gli scorci improvvisi, farsi ingannare da brusche svolte e vicoli tortuosi , dalla successione di gradini e scale , da avvallamenti e creste , da una caduta di tetti , pareti e diversi livelli, prima è tutto è in pietra dorata e ciottoli consumati dal tempo , un attimo dopo ecco tutte le facciate scure, gli ingressi leggermente sinistri e grotte ancora abbandonate. Un film, sembra di essere su un set di un film.

Meritevole di visita Santa Lucia alle Malve una delle chiese attorno Matera . In qualsiasi altro luogo, queste grotte straordinarie affrescate , molte delle quali sono state scoperte solo di recente , sarebbero le principali attrazioni, qui a Matera sono solo un motivo in più per visitare questa sorprendente città.

Al di là di Santa Lucia c’è il Sasso Caveoso. con l’interno inquietante , buio e umido , con la muffa sui muri: qui il passato di Matera sembra improvvisamente a portata di mano.

Matera è bella e affascinante , ma il suo attuale fascino deriva , in parte , da antiche miserie,  Le Grotte della Civita sono l’esempio, la sintesi della trasformazione di Matera, di come un luogo che è stato per centinaia , forse addirittura migliaia di anni, terreno  di privazioni sia divenuto una  “grotta di  lusso”.
sassi-matera
Maggiori informazioni  su questi siti: basilicataturistica.com aptbasilicata.it ; alberghidiffusi.it

Anche il cibo a Matera è diverso: la cucina povera viene oggi riproposta nei ristoranti, anche questo è un modo per riscattare la città.

Matera: come arrivare

In Navetta

Servizo di Transfer su prenotazione dall’aereoporto e Stazione di Bari per Matera  Stazione di Metaponto e Stazione di Ferrandina o altre località.

Ferrovie

Matera non è ancora collegata alla rete FS. E’ servita dalle ferrovie a scartamento ridotto F.A.I.  che la collegano a BARI (60 km) in tempi che vanno dai 60 ai 90 minuti.

Autobus

LE carenze ferroviarie, sono presenti diverse soluzioni sono sopperite con le autolinee che collegano Matera a Milano, Ancona, Bologna, Chianciano, Fiuggi, Napoli, Novara, Parma, Reggio Emilia, Sassuolo ed Urbino, a Roma, Firenze, Pisa e Siena oltre che a numerose città straniere

Auto

Se si arriva dalla costa tirrenica:
Immettersi nell’autostrada Salerno – Reggio Calabria. Seguire le indicazioni per Potenza. Quindi proseguire per Metaponto lungo la SS 407 “Basentana” fino alle indicazioni Matera nei pressi di Ferrandina Scalo.

Se si arriva dalla costa adriatica:
Percorrere l’autostrada Bologna-Taranto fino all’uscita Bari Nord. Proseguire per la zona industriale, per Altamura-Matera, cioè le SS 96 e poi la SS 99, di prossimo ammodernamento.

Se si arriva dalla Calabria e Sicilia:
Autostrada Reggio Calabria-Salerno. Uscire a Sibari e percorrere la SS 106 Jonica per Taranto. Prendere l’uscita Matera, nei pressi di Metaponto.

Se si arriva dal Salento:
La strada più comoda prevede di superare Taranto, e percorrere la SS 106 Jonica fino all’uscita Matera nei pressi di Metaponto.

Aereo

L’aeroporto più vicino è Bari Palese che dista solo 60 Km circa.
Bari Palese è collegato oltre che con le maggiori città italiane come Roma, Milano, Torino, Verona, , Venezia, Trapani, Bergamo, Bologna anche con destinazioni internazionali quali Londra (Stanstead e Gatwick), Parigi, Barcellona, Bruxelles, Colonia, Bucarest, Tirana, Stoccarda, Monaco, Timisoara.
Le compagnie interessate sono tra le altre Alitalia, British Airways, Lufthansa, MyAir, Ryan Air, Hapag Lloyd, AirOne, Club Air.